Giovanni Azzena

Giovanni Azzena

Professore Associato in Topografia antica L-ANT/09

Ricevimento
Dalle 13:00 alle 14:00 dei giorni in cui si svolgono le lezioni. Negli altri giorni è necessario concordare un appuntamento.

Curriculum

Giovanni A.M. Azzena è professore associato di Topografia Antica (L-Ant/09) presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Sassari. Cofondatore del "Laboratorio GIS per la Pianificazione ambientale e la Storia del territorio". Membro del Collegio Docenti della Scuola di Dottorato in Architettura e Pianificazione. Nel 2007-08 è stato Soprintendente Archeologo della Sardegna. È laureato presso l’Università “La Sapienza” in Topografia e Urbanistica del mondo classico: si forma dunque nel quadro metodologico della “scuola romana” di Topografia Antica, ma sviluppa linee originali di indagine scientifica, arrivando a definire, già dal 1985, puntuali sistematizzazioni delle sintesi cartografiche storico-archeologiche, funzionali anche alla tutela dei Beni Culturali. 

Ha, tra l’altro: coordinato la prima campagna europea di rilevamento GPS di siti archeologici (1988) in collaborazione con il Geodètische Institut dell'Università di Stoccarda; curato la progettazione del SIT per la “Carta Archeologica d'Italia” (Progetto Strategico CNR); curato la progettazione e coordinato la redazione scientifica per il Settore Sardegna Settentrionale del Foglio K-32 (Firenze) - Tabula Imperii Romani (Union Acadèmique International)

È, o è stato, fra l’altro: consulente per gli scavi giubilari del Fori Imperiali; membro della commissione per il Progetto del SIT Archeologico della Provincia di Roma; coordinatore del gruppo interistituzionale del Piano di gestione del sito UNESCO del “Su Nuraxi” di Barumini; della Commissione Stato/Regione per l’adeguamento dei Piani Urbanistici Comunali al PPR della Sardegna; della Commissione Paritetica Interministeriale per la realizzazione del “Sistema Informativo Archeologico delle città italiane e dei loro territori”; del gruppo di lavoro interministeriale (MIBC/MIUR/MLP) per “l'archeologia preventiva